You are #CannoliaColazione

Annunci

La Sicilia di Roberto Lipari trionfa a “Eccezionale Veramente”

“Ma dico io… Ma come faccio a dirottare un aereo… con un cannolo?? L’unica speranza è che il pilota è diabetico” 

RobertoLipari
Il comico palermitano Roberto Lipari, 25 anni.

Ci aveva già conquistato così, durante una delle sue prime esibizioni nel programma televisivo “Eccezionale Veramente”, Roberto Lipari, 25 anni, che ieri ci ha tenuti incollati allo schermo fino a tarda notte, sbaragliando la concorrenza e aggiudicandosi la prima edizione del talent show di La7 dedicato alla comicità. Continue reading “La Sicilia di Roberto Lipari trionfa a “Eccezionale Veramente””

Insolito concerto per campane e sirene a Catania

Chi immagina il Sud come un enorme animale sonnacchioso, incapace di risvegliarsi dal torpore e di dare vita a singolari e conturbanti attimi di PicsArt_03-20-11.12.31gioiosa bellezza evidentemente non è mai stato a Catania. La città etnea, che come le altre metropoli meridionali sprizza vulcanicità, energia e operosità da tutti i pori – forse per influenza del vicino vulcano – ieri è stata la protagonista indiscussa di un concerto insolito e poco convenzionale. Nessun violino, arpa o trombone figurava tra le voci dell’orchestra, formata soltanto dalle campane e dalle sirene delle navi attraccate al porto. Continue reading “Insolito concerto per campane e sirene a Catania”

Buon compleanno, Leonardo Sciascia!

2014-08-13 10.56.59
 

Statua di Leonardo Sciascia a Racalmuto (AG), suo paese natale.

 

95 anni fa, a Racalmuto, in provincia di Agrigento, nasceva Leonardo Sciascia, scrittore finissimo, profondo conoscitore della Sicilia, appassionato di arte e di storia, ma prima di tutto maestro elementare fatto di quella stoffa che ormai non esiste più.

Un blog dedicato alla Sicilia come il nostro non può certo esimersi dal ricordarlo, sia perché occupa nel nostro cuore un posto di primo piano sia perché non si può negare l’importan Continue reading “Buon compleanno, Leonardo Sciascia!”

“We will be here and We will be there!” ovvero “Semu ccà e ddà”

viaggio

Dove saremo questo week-end? Ccà e ddà!

Abbiamo scelto di essere con un piede in Sicilia e uno a Milano. Proprio questo week-end, infatti, parteciperemo a due eventi distanti 1400 km l’uno dall’altro, diversi tra di loro, ma molto interessanti, soprattutto perché organizzati da un gruppo di giovani che, portando avanti una passione, valorizza il proprio territorio.

Da un lato abbiamo l’amore per l’intramontabile mito delle due ruote, la Vespa, dall’altro la passione per la fotografia e quindi l’essere IGer o far parte degli IGers, che, tradotto per i meno esperti, indica quel gruppo di persone (tra cui anche @cannoli_a_colazione 😉 ) appassionato di uno dei social più in voga in questi ultimi anni: Instagram.

Continue reading ““We will be here and We will be there!” ovvero “Semu ccà e ddà””

Comu fu e comu nun fu: Cannoli a colazione miglior Travel 2015!

Si è da poco conclusa la votazione online per decretare i migliori profili instagram e comu fu e comu nun fu abbiamo appreso di essere i vincitori degli Igers Awards 2015  per la categoria travel. Come sempre, in questi casi, le parole sembrano non bastare.11350081_10153022071497615_1364044645_n Desideriamo ringraziarvi, uno ad uno, per le belle parole che ci avete riservato, perché ci seguite con affetto e siete sempre gentili ed educati, perché condividete con noi i vostri ricordi e le vostre emozioni sicule. Mai avremmo pensato che i nostri racconti di viaggio, presenti in questo blog, avrebbero riscosso così tanto successo anche su instagram e che saremmo riusciti nell’intento di mettere in risalto i VOSTRI viaggi, i vostri luoghi e le sensazioni che vi hanno lasciato. Ci avete aiutato a creare un punto di incontro per tutti coloro che amano la nostra terra, che siano essi conterranei o turisti appassionati, e Continue reading “Comu fu e comu nun fu: Cannoli a colazione miglior Travel 2015!”

Picasso e le sue passioni in mostra a Catania

Restano ancora pochi giorni di tempo per andare a visitare la mostra “Picasso e le sue passioMostra di Picassoni”, allestita nel pittoresco scenario del Castello Ursino di Catania da Comediarting & III Millennio, con il patrocinio del comune di Catania e la supervisione di Dolores Duran Urcan e Stefano Cecchetto. Chiuderà i battenti il 28 giugno l’evento che ha catalizzato l’attenzione degli ultimi mesi sulla fortezza costruita da Federico II di Svevia nel XIII secolo, oggi sede del Museo Civico della città.
Se tentennate in bilico sull’annosa questione – andare o non andare – il consiglio che posso darvi è quello di comprare un biglietto senza esitazioni. In primis perché Picasso è tra i più grandi artisti del XX secolo e non si può non vedere le sue opere almeno una volta nella vita. Questo lo dico anche a coloro che non sono suoi fan, perché un’immagine intravista su un libro o un sito internet non ci darà mai veramente l’idea dell’opera nella sua realtà fisica. In secundis, perché credo che la mostra renda giustizia al genio dell’autore. Si offre un’idea di Picasso a 360 gradi, mettendo in luce il legame con la letteratura di Gongora o Fernando de Roja, la passione per il teatro, l’amore per la pittura e la ceramica.

Continue reading “Picasso e le sue passioni in mostra a Catania”

I Vespi Siciliani 2015

Da http://www.vespaclubispica.it

“Il tour in Vespa da Ispica a Noto che racconta la storia della Sicilia dai normanni ai borboni. Visiterete luoghi meravigliosi, dagli splendidi scenari naturali di Cava Ispica al trionfo del barocco di Noto. Vi racconteremo degli Statella e dei Nicolaci grazie alle rievocazioni storiche dei Milites Trinacriae e del Corteo Barocco. Vi inebrierete del profumo zagara, descritto da Luigi Capuana (di cui si festeggia il centenario dalla morte) nel romanzo Profumo ambientato ad Ispica, e del gelsomino la cui preziosa essenza profumava le donne delle corti d’Europa.  Gusterete infine il meglio dell’enogastronomia del Val di Noto nella splendida location di Villa Eleonora di Villadorata, set dello spot del profumo Dolce di Dolce & Gabbana diretto dal maestro Giuseppe Tornatore.”

Quindi in un solo evento Sapori | Colori | Itinerari | Costumi | Profumi!

APPUNTAMENTO IL 28 GIUGNO 2015, TRA NOTO E ISPICA

Miele e funghi, ovvero: l’ottobrata di Zafferana Etnea

Cannoli Siciliani! Guarda la nostra galleria.

Dici autunno e ti vengono in mente foglie secche, alberi spogli, castagne e l’aria che sta diventando più fresca. L’autunno io lo associo alla malinconia, a quello stato di dolente tenerezza che ti accompagna quando cammini lungo un viale alberato, quando guardi la città fuori dalla finestra, quando sorseggi un tè sul divano e ascolti il vento che ti chiama forte, geloso del libro che stai leggendo. Autunno significa funghi e castagne, uva e miele, ottobre. Autunno significa quindi Zafferana Etnea, con la sua Ottobrata.

Per chi non lo sapesse, si tratta di un evento che si svolge ogni domenica di ottobre nella città di Zafferana, in provincia di Catania, e che, da mostra-mercato di prodotti tipici quale era all’inizio degli anni Ottanta, è diventato adesso un appuntamento capace di richiamare migliaia di visitatori ogni anno. Camminando per le vie della città, si possono ammirare e degustare i prodotti tipici della nostra bella terra, ma si può anche partecipare a spettacoli di ogni genere, unirsi ad associazioni di volontariato e portare i bambini a divertirsi in compagnia di animatori e compagnetti di classe. Considerando il fatto che questo blog si chiama Cannoli a Colazione, avremmo forse potuto perdere un evento simile? Naturalmente no! Continue reading “Miele e funghi, ovvero: l’ottobrata di Zafferana Etnea”

Viaggio in Sicilia. Pt. 1: San Leone, Valle dei Templi e Scala dei Turchi.

Ritornare in Sicilia dopo sei mesi passati all’estero è stato un po’ come ritrovare un’amica d’infanzia che non si sente più da tempo: la incontri, la riconosci, la abbracci e poi ti chiedi come mai nel corso degli anni quel bellissimo rapporto che c’era tra di voi si sia interrotto senza alcuna ragione. Il pilota dell’aereo di linea sul quale viaggiavo sembrava aver percepito le mie paure legate al ritorno e, in un muto dialogo a distanza, mi ha dato l’unica risposta capace di placare ogni mia perplessità: ha planato lungo la costa orientale dell’isola, regalandomi il tour della Sicilia più bello che abbia mai fatto.

E mentre i ragazzini dietro di me, eccitati per la prima gita scolastica all’estero, ricordavano i bei giorni passati, dichiarandosi scontenti del ritorno in patria ed elencando tutti i difetti e le limitazioni del vivere su un’isola, io dentro di me ridevo di felicità alla vista di quel panorama mozzafiato. Il cuore si apriva sempre di più all’apparire dello stretto, delle isole eolie, dei campi coltivati, e più scendevamo in basso più il sorriso, dal cuore, si allargava sul viso e gli occhi diventavano lucidi. Eccoli i Faraglioni, a picco sul mare, ed ecco l’Etna, il gigante buono che di tanto in tanto si lamenta, probabilmente per gli scempi compiuti dagli uomini alla sua terra. Ecco il porto, le navi, il mare, ecco il cielo di un azzurro terso che si riflette sulla distesa marina della playa di Catania. Venti minuti da sogno, col cuore in gola, felice, felicissima di essere ritornata e di poter godere ogni giorno di questi paesaggi che, chissà perché, prima non mi davano alcuna emozione.

Una volta atterrata, tutto ciò che sono stata in grado di fare è stato concedermi un arancino (o arancina: sul genere della prelibatezza siciliana si potrebbe aprire una grossa parentesi) e godere per ore della brezza marina, fino a quando il mio Insegnante, sempre lui, deciso a non farmi rimpiangere il ritorno in patria, ha organizzato un viaggio indimenticabile alla scoperta di posti per me nuovi: un tour dell’agrigentino, che mi ha riconciliato una volta per tutte con la mia terra.

San Leone - Agrigento
San Leone – Agrigento

Giorno 1. Partiamo insieme ad altri amici da San Leone, dove un tempo si estendeva l’antico emporio greco della città di Akragas, sita vicino alla foce dell’omonimo fiume. Qui ci fermiamo per un pomeriggio di relax totale, prima dell’attività culturale della sera: la visita alla Valle dei Templi, proclamata dall’UNESCO patrimonio dell’umanità nel 1997. Nonostante ci fossi già stata con un gruppo di amici australiani, che avevano mostrato la propria approvazione rimanendo per tutta la serata seduti, come in trance, davanti al tempio di Eracle, sono stata contenta di ripetere l’esperienza perché credo sinceramente che la Valle dei Templi sia una delle cose più belle che ci siano in Sicilia. Continue reading “Viaggio in Sicilia. Pt. 1: San Leone, Valle dei Templi e Scala dei Turchi.”